Lavorazioni

Cromatura dura a spessore

Il cromo duro ha una struttura cristallina che, rispetto ad altri trattamenti superficiali, dà al deposito proprietà uniche e indispensabili per diverse applicazioni industriali. Le qualità principali sono l’elevata resistenza all’usura, sia a secco sia con lubrificante, per compressione o azione abrasiva, e un’elevata resistenza agli agenti chimici.
La cromatura a spessore, o cromatura dura, è un trattamento superficiale che deposita un rivestimento di cromo con uno spessore da 0,005 a 1 mm sui manufatti in leghe di alluminio e leghe metalliche standard (ferro, acciaio inox, rame, ottone).

CARATTERISTICHE RIPORTO

  • Spessore da 0,005 a 1 mm
  • Durezza superficiale > 1.000 HV
  • 1000 h NSS
  • Resistente alla rigatura
  • Resistenza all’usura
  • Deposito amagnetico
  • Punto di fusione 1.900°C
  • Trattamento a telaio

PESI E MISURE TRATTABILI

  • Dimensioni minime: pochi millimetri
  • Dimensioni massime cilindri: 1.300 mm – ø 350 mm – peso 450 kg
  • Dimensioni massime parallelepipedi: 1.850x350x1.300 mm – peso 450 kg

DETTAGLI TECNICI

Tipo di deposito Tecnico
Durezza (HV) 850-1100
Proprietà magnetiche Non magnetico
Spessori ottenibili (mm) 0,005-1 mm
Tossicità NO
Materiali trattabili Al; Cu; Fe; Inox

Tipo di deposito: Tecnico
Durezza (HV): 850-1100
Proprietà magnetiche: Non magnetico
Spessori ottenibili (mm): 0,005-1 mm
Tossicità: NO
Materiali trattabili: Al; Cu; Fe; Inox

SETTORI DI APPLICAZIONE

  • Settore Food (piastre di cottura, fry top cromato)
  • Settore Tessile (tendifilo, Guidafilo, introduttore, piatto, testina, anello trascinatore, cilindro, pinze e guidafili, rondelle, pulegge, piani scorrimento, nastratrici per lavorazione tessuti, mantelli, piatti, anelli platine, coperchi, cilindri)
  • Settore Plastica (rullo, guida)
  • Settore Alimentare (piastre di cottura, fry top)
  • Settore Farmaceutico (piastre, piegatori, listelli, barre saldanti, dosatori per macchine riempitici (solidi/liquidi/creme), astucciatrici, termoformatrici, blisteratrici, capsulatric)
  • Settore Oleodinamico e pneumatico (perni per gru/sollevatori, corpi valvola/pistoni e steli per pompe a mano, ingranaggi, pistoni, cilindri, pistoncini)
  • Settore Armi (canne fucile)
  • Settore Automobilistico (nuclei e cannotti per corpi iniettore settore gpl/metano, perni e leveraggi per tergi, iniettori, teste, cilindri, pistoni)
  • Settore Irrigazione industriale (mozzo, freno)
  • Settore Motociclistico (forcella, mozzo, ammortizzatore, molla)
  • Settore Legno (anello di trascinamento, rullo)

Download

In questa sezione è possibile scaricare il PDF della specifica lavorazione.

FAQ

Cromatura dura o cromatura a spessore?

La cromatura dura (cromo duro), anche detta cromatura a spessore o cromatura funzionale-tecnica, è un processo galvanico finalizzato a depositare elettrochimicamente, sul particolare di interesse, un rivestimento superficiale di cromo metallo.
Il processo di elettrodeposizione, che avviene mediante l’introduzione parziale o totale dell’articolo da rivestire in appositi impianti (nella maggior parte dei casi, un elettrolita cromosolforico) permette di ottenere rivestimenti superficiali di notevole durezza, resistenti all’usura e alla corrosione, con spessori compresi tra poche decine di micron e 1000 micron.
La qualità principale del deposito di cromo elettrolitico è l’elevata resistenza all’usura, sia questa a secco che sotto lubrificazione oppure a seguito di compressione o all’azione di abrasivi.

Quali tipi di materiali possono essere trattati?

La cromatura dura a spessore si applica direttamente su substrati costituiti da:

  • Ferro
  • Alluminio e sue leghe previo preparazione apposita
  • Acciai al carbonio anche trattati termicamente
  • Acciai inossidabili
  • Ghise previo sabbiatura
  • Rame e sue leghe
  • Ottone
La geometria del particolare da trattare è importante?

Si, il rivestimento di cromatura a spessore viene applicato tramite un processo fortemente elettrolitico e quindi soffre di fronte a geometrie complesse, soprattutto se richiesti elevati spessori di riporto. Risulta molto difficoltosa la deposizione su sottosquadra e all’interno di fori e filetti, al contrario sulle superfici perimetrali dei particolari si verifica un “effetto punta”, che può essere ridotto attraverso specifiche mascherature.

Che impatto ambientale ha il cromo? E il cromo 6?

Per quanto fuori dall’immaginario collettivo, la cromatura a spessore è uno dei processi che (se gestito correttamente) ha un impatto ambientale molto inferiore alla gran parte dei processi galvanici.
Nessun tipo di acqua contenente cromo viene inoltrata all’impianto di depurazione, in quanto il 100% dell’acqua consumata nelle linee di controlavaggio viene poi riutilizzata nello stesso processo di cromatura, recuperando acqua e materia prima. Tutti gli impianti sono aspirati e il flusso d’aria viene trattato con uno scrubber, quindi l’aria viene “lavata” in controcorrente da acqua, anche questa viene poi utilizzata al 100% per reintegrare i livelli delle vasche di processo.

Cromo alimentare, veramente?

Oltre ad un’elevata durezza e ad un’ottima resistenza all’usura, il deposito garantisce una notevole resistenza alla rigatura e, in particolar modo, alla corrosione.
Questa particolarità, dovuta alla formazione di uno strato passivato sulla superficie depositata che è simile a quello che si sviluppa per gli acciai inossidabili, è proporzionale allo spessore del deposito, alla sua aderenza al substrato e alla sua porosità.
Grazie a queste caratteristiche (previo test specifico su ogni famiglia) la cromatura a spessore si presta anche per utilizzi nei settori food and beverage, come per i fry top delle piastre di cottura.

La cromatura a spessore è rotobarile?

La cromatura avviene grazie al passaggio di importanti quantità di corrente (densità) per cui gli oggetti da cromare devono essere sostenuti con adeguati punti di contatto elettrico ottenibili solo con il sostegno fornito da telai (statico), quindi purtroppo non può essere applicato a rotobarile.

Gallery

Richiesta informazioni

I campi contrassegnati da un (*) sono obbligatori.